ROMA – È uno dei suo allievi che ce l’hanno fatta ad arrivare in MotoGp: proprio per questo Valentino Rossi sa benissimo che nel 2019 l’accoppiata tra la M1 della Yamaha e Franco Morbidelli (passato al debuttante team Petronas) potrà fare scintille. «All’esordio con la nuova moto è stato impressionante, è riuscito ad andare subito fortissimo – ha spiegato Rossi – per questo credo che l’anno prossimo potrà essere un problema per tutti. Franco ama la Yamaha, perché è una moto generosa che dà un buon feedback».

SFIDA CON BAGNAIA Il Dottore, poi, ha fatto anche un paragone con Francesco Bagnaia, che come Morbidelli ha vinto il titolo in Moto2 prima di fare il gran salto in MotoGp e che quest’anno debutterà con il team Pramac: «Entrambi sono bravi e lo hanno già dimostrato – ha detto Rossi – Bagnaia forse ha più talento in termini di doti naturali, mentre Morbidelli è più difficile da battere, è più aggressivo. Non so chi dei due farà meglio nel 2019, ma avranno moto dalle performance molto simili e sarà interessante vederli all’opera».

Tutto sulla MotoGp