Fra tre mesi entrerà in vigore una novità molto gradita agli automobilisti italiani. Soprattutto quelli più vessati dal caro assicurazioni. Dal 10 luglio infatti le compagnie di rc auto dovranno applicare uno sconto obbligatorio all’assicurato-consumatore che accetti almeno una tra queste tre condizioni:

  • lasciar ispezionare preventivamente il proprio veicolo a spese della compagnia;
  • far installare sulla propria autovettura una scatola nera o comunque dispositivi equivalenti;
  • far installare sempre sulla propria autovettura dispositivi che impediscano l’avvio del motore in ipotesi di rilevazione del tasso alcolemico, sopra soglia, del conducente.

La novità è contenuta nel regolamento Ivass che il 10 aprile scorso è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale. L’Ivass, con il provvedimento datato 27 marzo 2018 ha individuato le modalità di applicazione dello sconto obbligatorio sul premio di tariffa al netto delle imposte e del contributo al Servizio Sanitario Nazionale, nonché i criteri con cui le imprese di assicurazione dovranno calcolare questo sconto (che consisterà in una percentuale del premio).

Le imprese di assicurazioni non potranno ridurre lo sconto facendo pagare all’assicurato i costi di installazione e gestione della scatola nera o degli altri dispositivi, che invece devono rimanere a carico dell’azienda.

Il provvedimento, inoltre, regolamenta anche la quarta ipotesi di uno sconto “aggiuntivo e significativo” rispetto a quello “obbligatorio” di cui abbiamo parlato finora, e previsto dall’articolo 132 ter, quarto comma, del Codice delle Assicurazioni.

Lo sconto riguarda gli automobilisti virtuosi: si tratta di persone residenti nelle cosiddette province a rischio (ad alta sinistrosità) individuate nell’allegato 1 al regolamento, che non abbiano provocato sinistri con responsabilità esclusiva o principale o paritaria negli ultimi quattro anni sulla base dell’evidenza dell’attestato di rischio, e che abbiano installato o installino, a seguito della stipula del contratto, la scatola nera.

L’obiettivo è di evitare che questi assicurati, pur non avendo mai fatto incidenti stradali, si trovino a pagare tariffe rc auto più alte rispetto a quelle che pagherebbero se residenti in altri regioni.

Sulla base di dati indagini statistiche, l’Ivass ha pubblicato la lista delle province interessate. Lista che dovrà essere aggiornata almeno ogni due anni. Tra queste ci sono Bari, Barletta, Benevento, ma anche province del nord o centro come Genova e Bologna e molte della Toscana, come Lucca, Massa Carrara, Pisa, Pistoia, Livorno e Firenze.

Per trasparenza, infine il regolamento prevede a carico di tutte le imprese di assicurazione che esercitano il ramo della responsabilità civile obbligatoria la raccolta in via sistematica di informazioni analitiche sugli sconti applicati.

In particolare, in caso di accettazione da parte dell’assicurato-contraente, gli sconti praticati per ciascuna delle condizioni dovranno essere indicati separatamente, in valore assoluto e in percentuale, rispetto al prezzo della polizza normalmente applicato.

Il provvedimento Ivass entrerà in vigore decorsi 90 giorni dalla pubblicazione in Gazzetta: le compagnie avranno tempo fino al 10 luglio per prepararsi agli adempimenti prescritti dalla normativa.

* Comitato scientifico di Ridare, portale di Giuffrè Editore che affronta tutte le tematiche in materia di risarcimento del danno e responsabilità civile