La soluzione punta a garantire benefici alle persone che vivono, lavorano, studiano o frequentano per motivi turistici piccoli comuni e aree montane. Sono 253 i sindaci di piccoli comuni che negli ultimi giorni hanno ricevuto da Poste italiane la lettera che annuncia loro l’attivazione di uno sportello automatico Postamat per lo svolgimento di numerosi servizi.

Atm installati nei piccoli centri sprovvisti di ufficio postale

L’installazione degli Atm era stata una delle richieste dell’Uncem, l’Unione nazionale comuni comunit enti montani, accettate formalmente dall’amministratore delegato Matteo Del Fante, davanti a 3.500 sindaci riuniti a Roma lo scorso 26 novembre.

Si tratta di piccoli centri sprovvisti di ufficio postale.

Bussone (Uncem): obiettivo potenziare servizi nelle zone interne

Prende forma concretamente il nuovo patto che abbiamo formalizzato con l’azienda – ha spiegato il presidente dell’Uncem Marco Bussone – perch arrivano i primi 253 nuovi Postamat. Siamo soddisfatti, insieme all’Anci (l’Associazione nazionale dei comuni italiani, ndr), per il nuovo virtuoso percorso intrapreso. Un dialogo diverso dal passato che porta benefici per le persone che vivono, lavorano, studiano o frequentano per motivi turistici piccoli comuni e aree montane. L’attivazione dei Postamat – ha aggiunto Bussone – un primo importante passo, in attuazione dell’articolo 9 della legge 158/2017 sui piccoli comuni, ma abbiamo molte altre cose che possiamo fare per potenziare i servizi postali nelle zone interne del Paese.

© Riproduzione riservata