Dagli anni Sessanta a oggi

Dagli anni ‘60 Vittorio Mazzucato ha gestito con la famiglia l’attivit di florovivaismo ereditandola poi dai genitori, trascorrendo una vita agiata, fino ai due snodi principali che gliel’hanno scombussolata. Il primo, a inizio anni ‘90 quando Serre Italia, produttrice di fiori e piante con sede in via Facciolati, ha cessato l’attivit e l’uomo aveva ceduto anche la sua quota dello storico negozio di vendita al dettaglio in via San Fermo, in centro storico, conosciuto da tutti i padovani. La seconda risale al 2000, quando la morte della sorella lo aveva di fatto lasciato in una condizione di solitudine. Non si era mai sposato e negli ultimi vent’anni aveva visto lentamente andare in fumo il suo patrimonio, tra le ipoteche delle banche e i tribunali. Nel terreno dove venivano coltivate le piante, ora sorto il supermercato In’s. Dietro alla sua abitazione, un’altra sua propriet era stata venduta e proprio in questi giorni un’azienda edile sta ultimando la costruzione di appartamenti di lusso. A lui era rimasta solo quella villa bianca da cui negli ultimi giorni se n’erano andati anche i tanti gatti che la popolavano: nel tempo la casa era stata ipotecata, le utenze tagliate e ogni tanto l’uomo si allacciava ai vicini per qualche ora di corrente. Si era lentamente lasciato andare — raccontano il tabaccaio, l’edicolante e il barista che l’aveva visto per l’ultima volta venerd scorso —. Vittorio era un signore cordiale che aveva sofferto. Usciva in bici, era riservato e nessuno ha mai saputo le reali motivazioni per cui caduto in disgrazia. Indossava sempre gli stessi vestiti e aveva perso la voglia di vivere. Era appassionato di automobili e la leggenda vuole che all’interno di quella casa ci siano ancora due Ferrari d’epoca. I funerali di Mazzucato si terranno luned alle 10.45 nella chiesa di Santa Rita a Padova.