Alla fine, ecco arrivare la conferma ufficiale. OnePlus.net, ovvero il portale dell’azienda cinese che ospita anche il relativo store, è stato violato. Questo mette potenzialmente a rischio ben 40.000 carte di credito di altrettanti utenti che hanno effettuato acquisti attraverso il sito web in questione.

Innanzitutto, OnePlus ha chiarito alcuni aspetti fondamentali della vicenda attraverso la nota rilasciata sul forum ufficiale. Le carte di credito potenzialmente a rischio sono quelle di cui gli utenti hanno inserito i dati su OnePlus.net nel periodo compreso tra metà novembre 2017 e l’11 gennaio 2018. Dunque, un lasso di tempo ben preciso.

OnePlusOnePlus

In secondo luogo, le carte di credito i cui dati siano stati memorizzati prima o dopo l’intervallo di tempo indicato da OnePlus, dovrebbero essere al sicuro. In tal senso, è la stessa azienda ad utilizzare il condizionale, segno evidente di come le indagini siano ancora in corso.

Leggi anche: OnePlus non si ferma più: 1,4 miliardi di dollari di ricavi

Discorso a parte per gli utenti che abbiano utilizzato PayPal per i pagamenti o che si siano serviti della carta di credito transitando comunque attraverso PayPal. In questo caso, dovrebbero essere al sicuro, a prescindere dal periodo in cui sia stato effettuato l’eventuale acquisto con conseguente registrazione dei dati.

OnePlus

OnePlus

Ovviamente OnePlus non è rimasta con le mani in mano. L’azienda cinese ha infatti già provveduto a contattare via mail ognuno dei 40.000 utenti coinvolti. In tal senso, non è escluso che la situazione possa riguardare anche persone italiane, per cui fate attenzione alla vostra casella e-mail.

OnePlus invita inoltre tutti coloro che potrebbero essere potenzialmente coinvolti a controllare meticolosamente tutti i movimenti della propria carta di credito. Nel caso ci fossero delle anomalie, è bene contattare immediatamente il proprio Istituto di Credito, al fine di poter avviare tutte le azioni necessarie.

OnePlusOnePlus

L’azienda cinese ha comunque messo a disposizione il proprio supporto ufficiale raggiungibile all’indirizzo https://oneplus.net/support, così come è possibile contattare OnePlus via mail a security@oneplus.net.

Leggi anche: OnePlus, la OxygenOS raccoglie troppi dati personali?

Al di là comunque di questi provvedimenti, OnePlus è già a lavoro con il proprio partner che fornisce la piattaforma per i pagamenti. L’obiettivo è ovviamente quello di implementare nuove misure di sicurezza che possano impedire il ripetersi di episodi simili. In ogni caso, qualora aveste effettuato acquisti su oneplus.net, vi invitiamo a seguire a questo link il thread ufficiale sul forum dell’azienda.


Tom’s Consiglia

Siete alla ricerca di una cover per il vostro OnePlus 5T? Date un’occhiata a questo modello ultra-slim prodotto da TopACE.

Galaxy S8Galaxy S8 Galaxy S8