Per gli addetti ai lavori del Circus, inclusi e soprattutto i giornalisti, il mondiale F1 si vive spesso dentro al paddock. Riservato e a volte glamour, sempre internazionale, ma fatto in sostanza di …Asfalto e Motorhome. Ambienti moderni, costruiti e poi smantellati in pochi giorni, che accolgono non solo piloti e membri delle squadre, ma anche moltissime persone che lavorano o sono ospiti durante i weekend di gara. La qualità globale, una certa “prestazione” e soprattutto l’immagine di una squadra si vedono anche qui, nel livello degli allestimenti e dei servizi offerti.

Noi che come operatori media tutti gli anni bazzichiamo questi ambienti, abbiamo ovviamente metro di giudizio e anche preferenze. Una classifica a volte “tirata” e sempre chiacchierata, più di quella stilata in pista per le monoposto. Anche se non è valida per un campionato Fia o per bonus economici. Tutti però, potendo, gradiscono maggiormente riposare e mangiare presso uno o l’altro spazio, dove si fanno anche riunioni e si mantengono vivi i contatti di lavoro (inclusi quelli per il mercato).

Traslasciando gli spazi istituzionali o tecnici, come sono i Motorhome Fia e Pirelli, la classifica confidenziale è quella dei team. I parametri per dare il voto non sono solo qualità e disponibilità del cibo, ma soprattutto livello di “apertura” con accesso a informazioni e contatto membri dello staff. Ci sono poi i contenuti che passano sui megaschermi, eventuali disponibilità di dispositivi (es. tablet), rete wifi, materiale informativo e via dicendo.

Red Bull è da anni ai vertici di questa gradutatoria informale, con la sua struttura (Energy Station) che è stata pensionata l’anno scorso per far spazio all’edizione 2019: semplicemente unica, specie in grandezza poichè vale per due squadre (anche Toro Rosso). Pavimentazione e arredi in legno, servizi ristorazione molto funzionali che accolgono la maggior parte delle persone “indipendenti” del paddock. Ci sono riviste e due bar aperti full time, con bagni automatizzati. Dietro a questa leadership, fatta da unione di due squadre sponsor e Case auto, la lotta è serrata.

Contrariamente a quanto si creda, non sono le squadre più vincenti in pista o storiche ad avere Motorhome migliori, per ospiti e addetti ai lavori. Sono infatti abbastanza criticatibili nei GP più “caldi” quelli di Mercedes (sottodimensionato e “codoso” al piano terra) McLaren (quest’anno ha limitato i pasti ai giornalisti) Renault (inalterato da anni, simile ad altre categorie più alla F1) e Ferrari. Addirittura le Rosse dividono i giornalisti dal resto degli invitati e squadra, però offrono servizio al tavolo di primi piatti e devices che gli altri non hanno.

Che conta poi sono i contenuti dei monitor (qualcuno offre anche musica e calcio, altri le formule minori) e le informazioni, gli spazi per sedersi e discutere o lavorare senza affollamento. Insomma, ci vuole budget e organizzazione anche per i Motorhome.

Il podio quest’anno se lo guadagna SportPesa Racing Point. Quelli della monoposto rosa, condotta da Sergio Pérez (intervista qui) e Lance Stroll. Loro sono anche quelli di una nuova bella struttura su tre piani, che viene montata prima di tutte le altre in molti GP, come ci raccontano gli uomini e le donne dello staff a Monza. Ci lavorano e mangiano a centinaia nel loro nuovo Motorhome, a tema ovviamente bianco rosa, con finiture in legno. La capienza è quasi illimitata grazie al turnover, anche se arrivano “solo” fino a 300 gli ospiti in questa stagione 2019. Lo staff dei cuochi vede chef di vari continenti, con persino un australiano (che ci ha saputo servire a Monza un ottimo risotto).

Altro punto gradito dei Motorhome è la terrazza. Molto presente ma spesso limitata ai veri VIP. Per esempio non possibile accedervi in Ferrari e McLaren o Mercedes (per i media). Quella SportPesa Racing Point invece fa ora invidia a Red Bull, che quest’anno contrariamente al passato ha eliminato il suo noto balconcino panoramico, passando a delle ampie vetrate. In tema di privacy, almeno al piano terra, il vantaggio resta a McLaren per l’ampia vetratura a specchio, seguita da Mercedes, che la ha in dimensione molto minore. Sono quelli di Woking ancora sul podio, con SportPesa Racing Point, tallonati da Alfa Romeo, Ferrari e Mercedes; poi tutti gli altri.

Interviste a Perez nel suo Motorhome

Interviste a Perez nel suo Motorhome

Mondiale F1 2019 – Classifica Motorhome

Posizione – TEAM – Voto

1) RED BULL con TORO ROSSO 9

2) MCLAREN 8+

3) SportPesa RACING POINT 8-

4) FERRARI 7,5

5) MERCEDES 7,5

6) ALFA ROMEO RACING 7

7) WILLIAMS 7-

8) RENAULT 5,5

9) HAAS 5