È stata imbrattata la statua dedicata a Indro Montanelli, collocata nell’omonimo giardino di via Palestro, nel centro di Milano, e finita di nuovo al centro delle polemiche. Sulla testa del monumento per ricordare il celebre inviato e giornalista sono stati fatti colare quattro barattoli di vernice, poi lasciati sul posto insieme ad alcuni sacchetti di carta. Inoltre, sulla base della statua, è comparsa la scritta: “Razzista, stupratore“.

Il monumento è tornato a essere contestato, dopo che in tutto il mondo le manifestazioni di solidarietà con il movimento Black lives matter e per l’uccisione da parte della polizia dell’afroamericano George Floydhanno preso di mira le statue di personaggi storici accusati di essere “razzisti, schiavisti o colonizzatori”. Nei giorni scorsi, il movimento dei Sentinelli ha scritto una lettera al sindaco di Milano Beppe Sala chiedendo che la statua di Montanelli sia rimossa. Sotto accusa il contratto che, durante la guerra in Etiopia, stipulò per sposare una bambina tra i 12 e 14 anni. Un episodio che lui stesso racconto sul Corriere della sera nel 2000 (qui la ricostruzione). Montanelli ne aveva parlato per la prima volta nel 1969 in televisione, ne programma “L’ora della verità” di Gianni Bisiach, rispondendo alle domande della giornalista femminista Elvira Banotti. E poi anche nel 1982, intervistato da Enzo Biagi.

Periodicamente ritorna la richiesta di rimuovere la statua in ricordo del giornalista. Questa volta la proposta dei Sentinelli non è però appoggiata né dal primo cittadino né dalla maggioranza dem in consiglio comunale. Non è la prima volta che la statua viene imbrattata: l’8 marzo del 2019, durante la manifestazione per la Giornata internazionale delle donne, alcune attiviste del movimento femminista Non Una Di Meno la coprirono con vernice rosa.

Tra i primi a commentare il presidente leghista della Regione Lombardia Attilio Fontana: “Proprio non ci siamo. L’odio, la cattiveria e l’astio sono sempre più dominanti sul confronto civile e democratico. C’è da preoccuparsi seriamente”. Intitolati a Montanelli dal 2002, i giardini di via Palestro vennero di conseguenza scelti anche per collocarvi la statua a lui dedicata che venne inaugurata nel 2006 dall’allora sindaco Gabriele Albertini e raffigurante il giornalista seduto che scrive sulla sua Lettera 22 con la scritta ‘Indro Montanelli – Giornalista’ sulla base.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.

Diventate utenti sostenitori cliccando qui.

Grazie Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te. Perché il nostro lavoro ha un costo. Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno. Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati. Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it. Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana. Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!

Diventa utente sostenitore!

Con riconoscenza Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it