martedì 8 maggio 2018 08:15

TORINO – Un altro gioiello nel mirino della Juve. Un altro talento purissimo che potrebbe fare il grande salto in bianconero. Parliamo di Musa Barrow, l’ultimo prodotto dell’eccezionale vivaio dell’Atalanta che sta incantando in questo finale di stagione, spingendo con i suoi gol la squadra di Gasperini verso un bis del sogno Europa League. Ne ha già fatti 3 in 10 presenze in serie A (più un assist) il giovane originario del Gambia, dove è nato nel 1998, e da dove è partito direzione Bergamo nell’estate 2016. Il ragazzo appartiene chiaramente alla categoria dei predestinati, visto che ha bruciato le tappe nelle giovanili atalantine. In Primavera, quest’anno, ha incantato: 23 gol in 18 partite e 6 assist. Una rete ogni 69 minuti; tra queste una doppietta alla Juve di Dal Canto. Forse anche questi due gol hanno contribuito a far drizzare le antenne degli uomini mercato bianconeri che non lo perdono di vita da tempo e ancor più adesso che ha compiuto il salto tra i grandi.

Marotta: «Allegri? Ancora con noi, il rapporto funziona»

STILE CALDARA – Ora sembra essere arrivato il momento di accelerare perché le gesta di Barrow non sono passate inosservate. Domenica all’Olimpico c’era un emissario del Chelsea ad osservare da vicino il ragazzo. Che ha risposto subito alla sua maniera, segnando dopo soli tre minuti alla Lazio. In precedenza si erano mossi anche l’Inter e il Borussia Dortmund: tutti pazzi di Musa, quindi, la cui quotazione si aggira già attorno ai 30 milioni. L’Atalanta non può che auspicare che lo stato di grazia continui, per conquistare l’Europa e per scatenare magari un’asta internazionale. La Juve punta invece ad anticipare la concorrenza e non farsi coinvolgere in giochi al rialzo, sfruttando le ottime relazioni con il club del presidente Percassi. L’idea potrebbe essere quella di allestire un’operazione simile a quella che porterà tra poche settimane Mattia Caldara in bianconero.

Leggi l’articolo completo sull’edizione ordierna del Corriere dello Sport-Stadio