Un film che racconta la fuga dall’Africa di due minori migranti. E che diventa uno strumento di conoscenza che fa nascere negli studenti e nei docenti un sentimento di solidariet verso il continente africano. quello che successo con il Progetto Scuola legato al film Balon del regista Pasquale Scimeca, pellicola ambientata in Sierra Leone, in un villaggio diventato destinatario dei fondi raccolti grazie una rete solidale di oltre 30mila studenti delle scuole medie e superiori.

Scuole in rete per la solidariet

Il film- uscito nel 2017, in concorso in diversi festival cinematografici (Torino, Tallin, Cape Town) – stato proiettato in pi di 100 scuole e i dibattiti che ne sono seguiti hanno fattao scattare la solidariet di studenti, famiglie e docenti. Che autonomamente hanno deciso di “adottare” alcune scuole di altri villaggi della Sierra Leone, inglobandole nelle loro attivit didattiche, pagando i maestri e fornendo i materiali per lo studio (quaderni, penne, libri, lavagne). Ad oggi sono tre le convenzioni gi firmate e ratificate dai consigli di istituto di tre scuole siciliane – Enna, Linguaglossa e Bronte – mentre molte altre sono in via di definizione. Scuole che hanno deciso di finanziare i progetti, non con soldi pubblici, ma con la raccolta volontaria di fondi tra gli studenti e i docenti.

I risultati del progetto

Il progetto prevede la costruzione di una scuola per i bambini del villaggio di Rochain Mende, la donazione di una pompa e il depuratore per rendere potabile l’acqua del pozzo. Ma anche la fornitura di medicine e attrezzature sanitarie, per la cura della malaria e delle malattie pi comuni di cui soffrono gli abitanti del villaggio, la costruzione di un campetto di calcio e la fornitura di scarpette e divise. Il Progetto promosso dall’Arbash , in collaborazione con Engim (Ente Nazionale Giuseppini del Murialdo). Le scuole possono aderire alle iniziative attraverso il sito www.balonfilm.it o arbash3@gmail.com.

© Riproduzione riservata