MILANO – Ore 9.20.Le Borse europee ripartono in rialzo nell’ultima seduta della settmana, forti anche dei nuovi record messi a segno ieri da Wall Street, con il Dow Jones che per la prima volta ha sfondato quota 25 punti. Milano sale dello 0,26%, Londra cresce del lo 0,03%, Francoforte dello 0,29% e Parigi dello 0,21%.

A dare fiducia anche le notizie in arrivo dalal Germania, dove Angela Merkel avrebbe trovato un accordo per la formazione del nuovo governo. La Borsa Usa ha beneficiato anche delle smentite arrivata dalla Cina su un possibile rallentamento degli acquisti dei Treasuries Usa, ridando così fiato ai titoli di Stato americani.

A Piazza Affari nuovo sprint pr Fca, che guadagna in avvio oltre ptre punti percentuali dopo l’annuncio del maxi investimento negl Stati Uniti da un miliardo di dollari.

Chiusura in lieve calo invece per Tokyo, influenzata dal rialzo dello yen che ha scoraggiato gli investitori, già cauti in attesa dei dati Usa sull’inflazione. L’indice Nikkei ha ceduto lo 0,24% e si è fermato a quota 23.653,82.

Sui mercati valutari l’euro si stabilizza in mattinata dopo i rialzi di ieri e viene scambiato a 1,2061 sul dollaro. In risalita lo spread, a 144 punti, ma pesa soprattutto l’aumento del rendimento del bund questa volta che sfiora in mattinata lo 0,6%, dallo 0,48% di ieri mattina.

I dati macroeconomici più attesi dai mercati provengono dagli usa: inflazione e vendite al dettaglio in dicembre, scorte delle imprese. L’istat aggiorna l’indice della produzione industriale.

Sul lato materie primo dietrofront per i prezzi del petrolio, dopo i nuovi record testati alla vigilia, che hanno portato il Brent a superare la soglia di 70 dollari al barile dopo i dati in calo delle scorte Usa. Il contratto cede -0,25% a 69,09 dollari al barile, mentre a New York il Wti arretra dello 0,63%, a 63,40 dollari. L’oro sale leggermente a 1328 dollari l’oncia.