ROMA – Il Napoli vira su Fernando Llorente. Il tempo stringe, il 2 settembre chiuderà il calciomercato e De Laurentiis vuole consegnare ad Ancelotti una squadra da scudetto. Ecco perché non aspetterà all’infinito la decisione di Mauro Icardi che scaricato dall’Inter ha dato priorità alla Juventus. Llorente aspetta, è intrigato dalla destinazione partenopea, tanto da aver messo in stand-by tutte le proposte arrivate, anche importanti. nelle prossime ore contatti tra l’agente dell’attaccante e il Napoli.

Sarri, debutto rimandato

Maurizio Sarri dovrà saltare le prime due partite del campionato. In cura per la polmonite che l’ha colpito a metà agosto, il tecnico bianconero salterà il debutto stagionale dei bianconeri, sabato a Parma, e l’avvincente sfida del 31 agosto all’AllianzStadium contro il suo ex Napoli. Con una nota ufficiale la società bianconera ha fatto sapere che gli accertamenti hanno evidenziato “un buon decorso clinico ma per ottenere una completa guarigione dalla polmonite, l’allenatore non siederà in panchina in occasione delle sfide con il Parma e con il Napoli“.

Europa League, al Toro non basta il cuore

Il Torino è stato battuto in casa 3-2 dal Wolverhampton e vede complicarsi la qualificazione ai gironi di Europa League. Poteva essere un fiasco totale, evitato con il rigore di Belotti, tra una settimana i granata dovranno tentare l’impresa di ribaltare la sconfitta vincendo con due gol di scarto. Deluso a fine gara il tecnico Mazzarri che però non molla: “Non meritavamo di perdere, il risultato è troppo pesante ma ci presenteremo in Inghilterra più sciolti, con meno apprensione, visto il risultato, e nel calcio può succedere di tutto”.

Ribery, notte da Re al Franchi

Grande festa per Franck Ribery allo stadio Franchi dov’è andata in scena una presentazione in stile americano di fronte a 15.000 tifosi. Il 36nne campione francese, arrivato a zero dal Bayern Monaco, è entrato in campo accolto da un boato, fra fumi e luci, salutando emozionato il popolo viola prima di mettersi a palleggiare lanciando tra la folla palloni autografati. Durante il saluto alla folla Ribery ha ringraziato Pulgar che gli ha ceduto la maglia numero 7.

di Enrico SarzaniniEdipress