Blocco alla alla vendita delle auto con motori benzina o diesel entro il 2040 in tutta Europa. Questa la proposta della Danimarca recapitata alla UE con l’obiettivo di accelerare il raggiungimento degli obiettivi comunitari sul completo abbattimento delle emissioni inquinanti auto previsto nel 2050. Promotore dell’iniziativa, il ministro danese per l’ambiente e il clima Dan Jorgensen.

Decreto Clima,incentivi per la rottomazione auto

La Danimarca in cerca di alleati

La proposta danese prevede un’attuazione progressiva del blocco. La riduzione delle vendite coinvolgerebbe prima di tutto le auto a benzina, diesel e metano a partire dal 2030. Dal 2035 si prosegue con le ibride fino all’auspicato stop totale dal 2040. Un piano ambizioso e imponente, per il quale, la Danimarca proverà a coinvolgere altri stati membri della UE. A riguardo, l’agenzia Reuters riferisce che il piano danese sarebbe appoggiato già da altri dieci paesi europei, anche se non si sa, al momento, quali siano.

Rottamazione auto inquinanti: gli incentivi della Regione Lombardia

Non è la prima volta che la Danimarca si rende promotrice di provvedimenti connessi a cambiamenti climatici e mobilità. Nell’ottobre 2018, il governo danese aveva annunciato il divieto di vendita di auto a combustione tradizionale, sul proprio territorio, a partire dal 2030. La proposta, successivamente, non è stata approvata dalla UE in quanto ritenuta non conforme alle norme comunitarie sull’omologazione che prevedono una regolamentazione specifica a livello europeo, obiettivo quest’ultimo che la Danimarca, come capofila, si ripropone di perseguire su scala continentale con il nuovo piano presentato da Jorgensen.