TORINO – De Ligt, ci siamo. Sembra davvero una questione di ore la chiusura della trattativa per il gioiello dell’Ajax. Ventiquattro? Quarantotto? Non si dovrebbe andare oltre, stando soprattutto ai rumors provenienti dall’Olanda. Come sempre accade in questi casi, si assiste ad un susseguirsi di fughe in avanti (in arrivo soprattutto da Amsterdam) e di frenate (più dalla zona Continassa). Il dato di fatto è che il confronto tra la Juve e i Lancieri, inziato da tempo, prosegue in modo sicuro, senza scossoni ma con un lavoro costante e finalizzato a tagliare il traguardo a breve. Non c’è timore di clamorosi colpi di scena: De Ligt ha già scelto la Juve, così come la Juve ha già scelto De Ligt. Tra loro, la stretta di mano c’è già stata. Ora si attende quella tra i bianconeri e i biancorossi. E in questi casi è quasi sempre solo questione di tempo, che dovrebbe compiersi in questo week end.

De Ligt alla Juve, le cifre dell’accordo con l’Ajax

Un passo importante, forse decisivo, verso la definizione dell’affare è stato fatto proprio dalla Juve. Lo riporta il quotidiano olandese De Telegraaf, che racconta di come i campioni d’Italia abbiamo teso la mano, aumentando l’offerta a 67 milioni per convincere i Lancieri e avvicinare la soglia dei 75 milioni che rappresenta la linea di confine per il successo. La mossa è significativa, visto che la prima proposta juventina era stata di 65 milioni totali, tra parte fissa (55 milioni) e bonus (10 milioni). Ora siamo a 67 milioni, cui aggiungere il gioco dei bonus per andare in méta. In più si discute pure su modalità e tempi di pagamento.

De Ligt alla Juve: ingaggio, contratto e clausola

Si sta entrando nel vivo perché, come detto, la Juve ha già l’accordo con De Ligt (contratto di 5 anni a 12 milioni bonus compresi, più una clausola rescissoria da 150 milioni da inserire nel contratto) e spera di avere il giocatore a disposizione per la tournée in Oriente che partirà il 19 luglio. Di ritiro in ritiro, c’è un’altra scadenza importante: domani l’Ajax si trasferirà in Austria per proseguire la preparazione estiva e l’auspicio della Juve è di chiudere proprio entro domani, per evitare la trasferta al giocatore che intanto si sta allenando regolarmente con i compagni. La clessidra scorre.

Tutti i dettagli sul Corriere dello Sport-Stadio in edicola