In Italia il 74% delle persone di età compresa tra 16 e 74 anni si è connessa a Internet negli ultimi tre mesi: una percentuale non troppo entusiasmante se si considera che la media UE è dell’85%. I Paesi del Nord Europa viaggiano al di sopra del 90%; fanno peggio di noi solo i bulgari (65%), i romeni (71%) e i greci (72%).

Ma forse il dato più eclatante rilevato da Eurostat (qui il database completo) riguarda l’impiego. Il 57% degli utenti online italiani ha mandato mail, il 46% ha usato social network e il 51/52% ha guardato video su piattaforme a pagamento o gratuite. Per le mail, in Danimarca e Olanda si viaggia oltre il 90%. Mentre per i social e la fruizione video la media UE è rispettivamente del 56% e del 53/57%.

Anche nel segmento videogiochi online l’Italia è un passo indietro. Si parla del 20% contro una media UE del 29% e realtà come Olanda e Danimarca che sono oltre il 40%. I dati più negativi comunque sono nelle aree vendita di beni o servizi (8%) e fissare un appuntamento con un professionista (9%). La media UE è rispettivamente del 19% e del 17%.


Insomma, urge una riflessione. Se poco più del 50% degli utenti online usa le mail, come si può immaginare che domani sfruttino servizi di pubblica amministrazione senza un’adeguata preparazione? E che dire poi delle possibilità di risparmio fornite da molti servizi digitali?


Il digital-divide culturale appare monumentale. Poco più di 7 italiani su 10 vanno su Internet, di questi quasi la metà non ne sfrutta neanche i servizi più basici. È evidente che oltre a cablare il Paese con reti di nuova generazione bisognerà prevedere copiosi investimenti nelle scuole e in corsi per adulti.