Blitz degli attivisti del centro sociale Ex Opg di Napoli nell’Arena Flegrea durante l’intervento del ministro degli Esteri e leader politico del M5S Luigi Di Maio sul palco di “Italia a Cinque stelle”. Gli attivisti hanno esposto uno striscione con la scritta “Basta armi al Governo turco”. Di Maio ha preso la palla al balzo per sostenere la richiesta: “Con me sfondate una porta aperta: basta armi alla Turchia”.

Napoli. Di Maio ringrazia per l’intervento e assicura che chiederà all’Unione europea di interrompere la vendita di armi. Poco prima sul lungomare c’era stato un corteo di cittadini e centri sociali per esprimere solidarietà al popolo curdo.

“Parlare con una sola voce per l’Ue con la Turchia non significa solo parlare, ma fare i fatti – ha aggiunto Di Maio – Siamo di fronte a una Ue che insedierà una nuova Commissione, che deve dare un segno di discontinuità. L’Ue deve anche coinvolgere la Turchia in un processo diplomatico per fermare l’escalation – ha aggiunto -: l’unico modo per fermare il terrorismo è che tutti gli Stati non usino la forza, l’uso della forza ha fatto enormi danni negli ultimi 20 danni”.

Poi Di Maio ha cominciato il suo intervento: “Noi non vogliamo distruggere, vogliamo governare per trasformare questo Paese. Non dico che tutti i problemi sono risolti, ma questi dieci anni hanno cambiato per sempre la politica italiana”. Il capo politico del M5s ha parlato del taglio dei parlamentari: “Quando il popolo spinge una battaglia e la sostiene il Parlamento è tenuto a eseguire, siamo riusciti in un miracolo. Tutti dicevano non ce la farete mai, abbiamo trasformato l’impossibile in possibile”.

Il leader dei pentastellati ha parlato con un microfono all’americana: “La prima cosa che voglio dire è grazie a tutti perché tutto quello che è successo e grazie a voi. Sono 10 anni ma per qualcuno anche di più. I primi meet up ci sono stati proprio qui a Napoli”.

Applausi per Conte, il premier acclamato dalla folla: “Un presidente, abbiamo un presidente” hanno urlato dalla platea. “Napoli deriva dalla parola greca Neapolis, nuova polis, e noi stiamo lavorando alla nuova politica – ha detto il premier – Hanno detto che voi siete l’anti politica, ma voi siete il trionfo della buona politica. Vi hanno detto che siete anti-sistema, ma voi siete quelli che stimolano tutti a onorare le istituzioni con comportamenti onesti”. Parole alle quali è seguito, dalla platea, il coro “onestà, onestà”. Nel pomeriggio è arrivato anche Beppe Grillo, il fondatore del Movimento parlerà in serata dal palco dell’Arena flegrea.

Attacco a Salvini

Attacco a Salvini: “Gli slogan li fanno quelli che dicono che hanno le coperture finanziarie per dire che abbassano le tasse a tutte, per regalare a tutti 100-200 miliardi, non facciamo promesse” ha aggiunto riferendosi indirettamente a Salvini il premier Giuseppe Conte, scatenando gli applausi della platea. Conte ha citato un progetto in campo del governo che “darà lavoro ai ghanesi. L’immigrazione si risolve così non con gli slogan dei porti chiusi”.

“Aveva fatto delle promesse che non poteva mantenere, quando ha capito che non aveva i soldi per realizzarle, ha detto ‘ho il 17 per cento delle poltrone e le voglio raddoppiare’, ma noi gliele abbiamo tagliate” ha sottolineato Luigi Di Maio, parlando a Italia 5 Stelle sull’ex alleato di Governo Matteo Salvini.

Gli attivisti

E’ arrivato a oltre ottomila persone, intanto, il “contapersone” di Italia 5 Stelle che misura l’affluenza alle kermesse pentastellate. Il dato si riferisce a metà pomeriggio mentre l’Arena Flegrea, che ospiterà questa sera il clou della Festa 5 Stelle con tutti i “big” e il premier Giuseppe Conte, registra, si apprende all’organizzazione, il sold out dei 4mila biglietti venduti online. La capienza dell’Arena arriva a quasi 6mila persone.