ROMA – Vincere il Masters è sempre qualcosa di magico, vincerlo a quattordici anni di distanza dall’ultima volta è straordinario. È quello che è successo a Tiger Woods, protagonista lo scorso weekend ad Augusta. Lo statunitense ha trionfato in mezzo al proprio pubblico ed è tornato a vincere un torneo Major, cosa che non gli riusciva dal 2008 (U.S. Open). Il successo del fenomeno californiano è storico, non solo per Woods, ma anche per William Hill.

TIGER WOODS TRIONFA AL MASTERS

SCOMMETTIAMO? – L’agenzia di scommesse sportive, infatti, ha dovuto pagare 1.190.000 dollari ad uno scommettitore di Las Vegas, che prima dell’inizio del Masters aveva puntato 85.000 dollari sulla vittoria di Tiger Woods. La quota del golfista era molto alta, 14 dollari: ovviamente il nome dello scommettitore è rimasto top secret. Ciò che sappiamo è che il suo guadagno è stato più elevato del secondo premio del torneo: Dustin Johnson, Brooks Koepka e XanderSchauffele, tutti e tre finiti a un colpo da Tiger, hanno portato a casa un premio di 85.667 dollari.

TRUMP, A WOODS LA MEDAGLIA PRESIDENZIALE

CHE PERDITANick Bogdanovich,il direttore di William Hill, ha dichiarato: “È la nostra perdita più grande di sempre ma quella di domenica sera è stata una grande giornata di golf“.