sabato 22 aprile 2017 12:38

MILANO – É già passata più di una settimana da quando si è definitivamente conclusa l’era Berlusconi e il Milan ha inaugurato il nuovo ciclo. A commentare questi primi giorni della nuova proprietà cinese è stato Montella che ha dichiarato: “Non ho parlato del mio contratto con la nuova società. Non ce n’era bisogno. Io e i nuovi dirigenti ci stiamo conoscendo. I programmi sono importanti e stiamo facendo delle valutazioni“. “Io e Mirabelli– ammette il tecnico – siamo andati a vedere una partita insieme per conoscerci meglio. Io non voglio fare una lista, ci sarà un budget, si sta scegliendo un metodo di gioco e in base a questo si cercheranno rinforzi che possano essere utili. A Montecarlo abbiamo visto grandi giocatori ma Mbappè è fuori budget“.

«AL REAL MADRID VOLEVANO GALLIANI»

TIFOSO SCATENATO – Montella ha inoltre confermato di non aver sentito Berlusconi ma ha confermato la presenza allo stadio di Adriano Galliani. L’ormai ex amministratore delegato sarà a San Siro per seguire la gara contro l’Empoli di domani pomeriggio: “Ci fa piacere, avremo un tifoso scatenato in più. Dopo il derby lui e Maiorino erano molto contenti” ha concluso l’allenatore.

THIAM SFIDA IL MILAN

VERSO L’EUROPA – “Le gare con Empoli e Crotone sono fondamentali per la rincorsa all’Europa. Forse più delle partite con Roma e Atalanta perché sono più difficili da preparare per l’euforia della rimonta nel derby. L’Empoli è una squadra organizzata che avrà meno paura e meno timore dopo la vittoria con la Fiorentina“. Così Montella ha commentato i prossimi impegni della propria squadra. Restano ancora 6 partite da giocare per raggiungere il traguardo Europa ma il tecnico è fiducioso: “Vedo la squadra molto coinvolta e partecipe, sono convinto che faremo un grande finale di stagione“. E per quanto riguarda la polemica con Pioli? “Sento la rivalità con l’Inter, ma non oltre il dovuto. Con lui non c’è nessun problema“. Poche le indiscrezioni su convocati e formazione: “Domani potrei convocare Montolivo. Bacca? Si parla troppo del suo gioco, facciamo grande affidamento su di lui“.