domenica 16 ottobre 2016 07:40

MOTEGI – Colpo di scena a Motegi: Marc Marquez vince il Gp del Giappone e conquista il terzo titolo in MotoGp (il quinto complessivo in carriera). Decisivo per il trionfo del pilota Honda la giornata disastrosa della Yamaha: Valentino Rossi va fuori al sesto giro dopo una caduta, Jorge Lorenzo finisce la gara allo stesso modo a cinque giri dalla conclusione. Sul podio oggi anche Dovizioso e Viñales.

ROSSI SUBITO FUORI Serviva una serie di eventi sulla carta improbabile per un successo così inaspettato: Rossi sarebbe dovuto arrivare quindicesimo o fuori dalla zona punti e Lorenzo non salire sul podio. Difficile immaginare uno scenario del genere, soprattutto dopo le qualifiche di ieri, con il Dottore in pole position e il maiorchino al terzo posto.

È proprio lui, al via, a prendere la testa della gara, con Rossi e Marquez subito in bagarre. Un duello bello e corretto che porta entrambi, dopo tre giri, a lasciare indietro Lorenzo. Ci sono le premesse per una battaglia da brividi, e invece al sesto giro Valentino Rossi perde l’anteriore in curva 10 e finisce nella ghiaia. Il talento di Tavullia si rialza, prova a tornare in pista ma poi rientra ai box e si ritira.

FOTO: LA CADUTA DI ROSSI

LORENZO SCIVOLA Da qui in poi la strada è in discesa per Marquez, che si invola indisturbato verso la vittoria. Dietro di lui, a quattro secondi di distanza, Lorenzo tiene sotto controllo Dovizioso, che dalla terza posizione prova a sferrare l’attacco. Il maiorchino non è al meglio dopo la caduta nelle libere di ieri ma resiste agli attacchi del pilota Ducati, finché, a cinque giri dalla conclusione, perde il controllo della sua Yamaha così come accaduto a Rossi. Diventa una passerella per Marquez, che taglia il traguardo esultante davanti all’ottimo Dovizioso e a Maverick Viñales, bravo a recuperare posizioni dopo il bel duello con l’altro pilota Suzuki, Aleix Espargarò (quarto). In quinta posizione si piazza Crutchlow, seguito da da Pol Espargarò e Bautista. Petrucci chiude all’ottavo posto, in top 10 anche Redding e Bradl.

Rivivi la gara

Classifica MotoGp