FERRARA – Cancellati dal precedente governo, sono stati ripristinati oggi dal Mibact con 25 milioni di euro i finanziamenti per il Meis, il museo dell’ebraismo di Ferrara: lo annuncia il ministro della cultura Dario Franceschini. “Lo dobbiamo a Liliana Segre – dice – a lei personalmente e a quello che rappresenta. La conoscenza è il migliore antidoto contro odio e intolleranza”.

Fu la stessa Liliana Segre, la scorsa primavera, la prima firmataria di una interrogazione urgente al governo Conte 1, in cui si sottolineava come il museo sia un’opera “di valore internazionale” in riferimento alla storia e alla presenza degli ebrei nel nostro Paese, “sebbene il Governo non lo voglia riconoscere o lo voglia addirittura occultare”. L’allora ministro Alberto Bonisoli aveva replicato accusando l’allora giunta di centrosinistra di Ferrara di “strumentalizzazione”: Questi soldi – si apprende da fonti dal Collegio Romano – non sono del Mibac e sarebbero andati persi. Invece il ministro ha garantito che quando sarà possibile aprire un cantiere, e questo avverrà solo in concomitanza con il termine dei lavori del secondo lotto che stanno per cominciare, i soldi ci saranno e partirà il bando”.

Franceschini ricorda oggi come “Il Museo Nazionale dell’Ebraismo Italiano e della Shoah è stato istituito con una legge dal Parlamento nel 2003. Durante lo scorso governo era saltato il finanziamento di 25 mln di euro necessario per il completamento del Museo. Ma un’idea così importante non si può lasciare a metà ecco perché attraverso una rimodulazione dei Fondi per lo Sviluppo e la Coesione del Ministero, abbiamo recuperato il finanziamento che era stato cancellato”.