MILANO – “C’e’ unita’ d’intenti assoluta col mister e proseguiamo su questa strada. Abbiamo le idee precise, noi e Sarri, e vanno al di la’ di una partita fatta un po’ meno bene o di una fatta meglio”. Fabio Paratici, ds della Juventus, ai microfoni di Rai Sport toglie qualsiasi dubbio sul futuro del tecnico. “Siamo qui da dieci anni, abbiamo gia’ vissuto dei cicli di cambiamento e siamo sempre riusciti, in questi cicli, a cambiare e continuare a essere vincenti e competitivi. Lo stiamo facendo anche quest’anno, siamo in linea con le aspettative visto che a questo punto della stagione siamo a giocarci tutti i titoli in palio. Quando sei in club come la Juve cerchi poi di fare un ricambio generazionale ‘tranquillo’, non puoi cambiarne dieci, e noi abbiamo giocatori di grandissimo livello, abbiamo preso giovani come De Ligt e Demiral fra i migliori nel loro ruolo, sono arrivati Rabiot che era titolare al Psg e Ramsey che lo era all’Arsenal. Siamo felici di quello che abbiamo fatto”. Poi una battuta sulla possibilita’ di sperimentare in Italia il ‘challenge‘ per la Var. “Siamo sempre stati aperti alle novita’, bisogna vedere i termini in cui si concretizza questo tipo di richiesta, sara’ valutata dagli organi competenti, dalle societa’, decideremo il da farsi e vedremo cosa succedera’”.

Milan-Juve: le formazioni ufficiali

Milan-Juve: il tabellino

Paratici: “Ronaldo resta. Dybala è il nostro Messi”

Ronaldo resta alla Juventus anche nella prossima stagione? Non ci sono dubbi”. Paratici, ds bianconero, esclude un possibile divorzio dal fuoriclasse portoghese. Il rinnovo di Szczesny, intanto, mette fine alle voci su Donnarumma: “E’ chiaro che abbiamo fiducia in lui, e’ uno fra i migliori al mondo e quindi escluderei l’arrivo di altri numeri 1”. Infine una battuta su Dybala, in passato accostato al Barcellona come possibile erede di Messi: “Siamo contenti di Paulo, e’ il nostro numero 10, abbiamo investito tanto su di lui e speriamo che sia il Messi della Juve”.