In futuro non solo i passeggeri ma anche le merci viaggeranno a velocità elevatissime: questa almeno è l’intenzione di Cargospeed, nuova azienda nata da una partnership tra Hyperloop One e DP World proprio con l’obiettivo di applicare le tecnologie del primo e il know how del secondo alla movimentazione delle merci su rotaia.

Hyperloop One dal 2017 ha Richard Branson come presidente del Consiglio di Amministrazione, ha aggiunto Virgin davanti al nome originale e non va confusa con la più famosa Hyperloop TT (Transportation Technologies). DP World invece è un’azienda con sede a Dubai specializzata in servizi di logistica, molto radicata in terminal e porti di Africa, Asia e Medio Oriente.

dimsdims

L’idea di base è assai ambiziosa: creare una “nuova via della seta” come definita dal co-fondatore di Hyperloop One Shervin Pishebar. Cargospeed in pratica potrebbe caricare le merci che DP World raccoglie nei porti dell’Oriente -soprattutto in Cina – e trasportarli nel giro di poche ore in tutta Europa.

Il nuovo presidente Richard Branson è comunque molto sicuro di sé e delle qualità tecnologiche della propria azienda, tanto da volerne sottolineare la differenza rispetto ai competitor con un cambio di nome. La nascita di Cargospeed dunque potrebbe rappresentare l’occasione migliore per mettere in pratica questo piano, cambiando al tempo stesso obiettivo almeno parzialmente, e passando dai passeggeri alle merci anche se ovviamente è facile immaginare che siano necessari diversi anni per realizzare un percorso che unisca la Cina e l’Europa tramite treni iperveloci.