Ford Focus ST raddoppia. Svelata la nuova generazione con carrozzeria 5 porte, è il turno della wagon annunciare il prossimo arrivo sul mercato.

Va da sé come le caratteristiche tecniche non cambieranno. Due opzioni di motore e trasmissione, affinamenti all’assetto condivisi. Focus ST wagon cambia nella versatilità che offre alla voce capacità di carico. C’è spazio per caricare la famiglia e andare in vacanza con un passo veloce, come per sfruttare i consumi più contenuti che può far valere l’unità turbodiesel nel confronto con l’EcoBoost benzina.

Seicentotto litri di volume contro 375 litri dicono della principale differenza tra le due proposte sportive della compatta Ford. Trenta centimetri di differenza negli ingombri esterni in lunghezza, a passo invariato, da 2.65 metri. Cambia, naturalmente anche lo stile.

Oltre al pianale C2, nuova Focus convince per il dinamismo del design, che sulla wagon interpreta la coda lunga in chiave ancor più sportiva: spoiler ben marcato, duplice terminale di scarico, basta poco per rendere ancor più cattiva la Focus sw.

Poggia su cerchi da 18 o 19 pollici, Ford si limita a confermare i280 cavalli dal motore turbo benzina EcoBoost 2.3litri, con 420 Nm di coppia e due opzioni di trasmissione: manuale 6 marce dalla leva più corta o doppia frizione 7 marce.

L’alternativa è l’EcoBlue 2.0 da 190 cavalli, Diesel con 400 Nm di coppiae l’unica trasmissione prevista nel manuale 6 marce. Cambio con funzione Rev-Matching in scalata, per raccordare le marce con un colpo di gas automatico per alzare il regime di rotazione del motore. L’assetto seguirà gli interventi annunciati da Focus ST berlina, ovvero, braccetti di sterzo riposizionati, ammortizzatori a controllo continuo della rigidità, servosterzo reso più diretto. Specifico della ST 280 cavalli sarà il differenziale a slittamento limitato e controllato elettronicamente.