Finisce 2-2 la sfida della Red Bull Arena tra Lipsia ed Hertha Berlino. Assoluti protagonisti della gara sono i due ex Serie A Schick e Piatek che, entrambi nella ripresa, vanno a segno. L’ex Roma porta momentaneamente in vantaggio i suoi completando la rimonta dopo che i padroni di casa erano passati in vantaggio nei primi minuti con Grujic. Ma il Pistolero Piatek, pochi minuti dopo il suo ingresso in campo, realizza dal dischetto la sua seconda rete stagionale in Bundesliga, siglando il gol del definitivo 2-2. Il Lipsia incappa dunque nel quarto pareggio nelle ultime cinque e manca l’aggancio al secondo posto occupato dal Borussia Dortmund.

Classifica Bundesliga

Tra Lipsia ed Hertha finisce 2-2

Nagelsmann opta per il duo composto da Werner e Schick in avanti. A partire meglio sono però gli ospiti che all’11’ passano in vantaggio con la rete di Grujic. Il centrocampista serbo è bravo a infilarsi in mezzo alla difesa avversaria e deviare in rete il calcio d’angolo di Plattenhardt. L’autore dell’assist è però non ce la fa ed è costretto a lasciare il campo a Mittelstadt per infortunio dopo appena due minuti dalla rete del vantaggio ospite. I padroni di casa premono sull’acceleratore alla ricerca del pari che arriva al 24′. La rete arriva ancora da corner, con Nkunku che si incarica della buttata e mette al centro un pallone delizioso su cui si avventa Klostermann che con un colpo di testa all’angolino batte il portiere avversario e rimette il match in equilibrio.

Lipsia-Hertha Berlino: tabellino e statistiche

Schick e Piatek, che show!

Poco prima dell’ora di gioco anche il Lipsia opera il primo cambio con Lookman che prende il posto di Olmo. Passano appena cinque minuti e i padroni di casa rimangono in 10: Halstenberg, ammonito a fine primo tempo, si becca il secondo giallo e lascia i suoi in inferiorità numerica. L’uomo in meno non spegne però la furia agonistica del Lipsia che, con Schick completa la rimonta e passa in vantaggio: l’ex Roma lascia partire un sinistro potente dal limite dell’area su cui Jarstein commette un grave errore, facendosi infilare centralmente. Metabolizzato lo svantaggio, Bruno Labbadia mette dentro l’ex Milan Piatek al posto di Darida. Il Pistolero si rende subito protagonista e rimette il match in equilibrio dagli 11 metri: Cunha viene atterrato in area di rigore da Lookman, è rigore. L’attaccante è freddo dal dischetto e non sbaglia, fissando così il risultato sul definitivo 2-2.