FCA e Archer, intesa per taxi volante

FCA ha siglato un accordo con la start-up americana, Archer Aviation, per lo sviluppo congiunto di veicoli volanti elettrici a decollo verticale pensati per il trasporto di passeggeri, con l’obiettivo di cominciare la produzione nel 2023. Il taxi volante, di cui al momento non sono note le specifiche tecniche, sarà svelato nel corso del 2021. Per ora bisogna accontentarsi di un teaser, in cui si notano i sei motori a elica posizionati sulle ali.

FCA, dal canto suo, metterà a disposizione il proprio know-how in materia di design e lavorazione dei compositi e consentirà l’accesso alla rete dei propri fornitori per ridurre i costi di realizzazione dei taxi volanti. Ma FCA svilupperà anche l’abitacolo. Così come molti altri costruttori, insomma, FCA è pronta a lanciarsi nel settore della Urban Air Mobility, considerato strategico per la mobilità dell’avvenire in città.

I taxi volanti frutto dell’intesa tra FCA e Archer dovrebbero vantare un’autonomia di circa 100 km/h e una velocità di 240 km/h. Caratteristiche, queste, che consentirebbero un trasporto veloce su tratte relativamente brevi, senza i rallentamenti tipici del traffico cittadino. Una soluzione di mobilità utile, ad esempio, per recarsi in aeroporto dal centro di una metropoli.