(ANSA) – ALESSANDRIA, 9 NOV – Giovanni Vincenti, ilproprietario della cascina di Quargnento nella cui esplosionesono morti tre vigili del fuoco, poteva evitare la tragedia. Lospiega il procuratore di Alessandria, Enrico Cieri.

“La notte della tragedia Vincenti è stato informato da uncarabiniere che il primo incendio era quasi domato – spiega ilmagistrato -. Vincenti non ha detto che all’interno della casac’erano altre cinque bombole che continuavano a far fuoriusciregas. Era intorno all’1, ci sarebbe stata mezz’ora di tempo perevitare la tragedia”. Giovanni Vincenti, inoltre, è crollato,confessando le proprie responsabilità nell’esplosione dellacascina, di fronte al ritrovamento del manuale di istruzionedel timer utilizzato per innescare le bombole di gas. “Ilfoglietto di utilizzo del timer era sul comò in camera daletto – rivela il magistrato – È stato questo elemento a indurloalla confessione”.