Non è stata ancora identificata la seconda vittima dell’esplosione del distributore di gpl al chilometro 39 della via Salaria, a Borgo Quinzio. Gli investigatori sono a lavoro ma ieri sera un appello è arrivato anche alla trasmissione “Chi l’ha visto?”: “Non abbiamo più notizie di Andrea, ha una Opel Corsa nera vecchio modello”.

in riproduzione….

Condividi

La segnalazione è di una donna di nome Barbara che ha chiamato per denunciare la scomparsa di un suo familiare, di nome Andrea, che presumibilmente poteva trovarsi nella zona dell’esplosione in cui due persone sono morte e altre 17 sono rimaste ferite. La donna ha inoltre riferito di aver provato a chiamare ripetutamente il numero di cellulare del suo parente, senza alcuna risposta.

in riproduzione….

Condividi

Le prossime saranno ore decisive per l’inchiesta sull’incidente: secondo quanto ricostruito dai carabinieri del nucleo investigativo di Rieti, le fiamme sarebbero divampate durante le operazioni di scarico da un’autocisterna carica di carburante. A quel punto ci sarebbero state due esplosioni a catena: la prima, in cui hanno perso la vita il vigile del Fuoco Stefano Colasanti e il civile ancora non identificato, che ha coinvolto l’autocisterna, diciotto le persone rimaste ferite E la seconda, in cui l’intera struttura del distributore è crollata. Resta ora ai periti e ai tecnici risalire alle cause.

Il ministro dell’Interno Matteo Salvini è andato a Rieti, nella serata di ieri, accompagnato dal comandante generale dei vigili del fuoco, Fabio Dattilo, per porgere di persona le sue condoglianze alla mamma di Stefano Colasanti. Il vicepresidente del Consiglio, avrebbe garantito anche la sua presenza il giorno dei funerali del pompiere, la cui data non è stata ancora comunicata.

Intanto è stato riaperto il vecchio tragitto della strada statale Salaria, che corre parallelamente al percorso della consolare interessato ieri dall’incendio. La riapertura della vecchia migliora le condizioni della viabilità locale, consentendo ai mezzi in transito di bypassare di pochi chilometri il tratto della SS4 ancora chiuso, dove, dalle prime luci ci questa mattina, sono riprese le operazioni dei vigili del fuoco e delle forze dell’ordine. Il Comune di Fara Sabina, in una nota, ha comunicato le seguenti modifiche al trasporto pubblico nell’area: “Per i mezzi Cotral il servizio è garantito da Passo Corese verso Rieti e da Rieti in direzione Passo Corese, con percorso variato; la linea B del trasporto pubblico locale, giunta a Corese Terra, effettuerà il percorso inverso in direzione della strada Farense SP41 fino a nuova comunicazione.