A fianco degli studi tradizionali – dalla storia dell’economia e delle imprese all’economia aziendale – ci sar un corso per approfondire il funzionamento degli algoritmi o della Blockchain (comprese le criptovalute), ma anche gli strumenti per analizzare e maneggiare il petrolio di oggi: i big data. Ecco alcune delle materie che faranno parte del curriculum di studi del manager 4.0 del nuovo corso di laurea triennale in management e computer science della Luiss che partir ufficialmente da settembre prossimo. Competenze, queste, sempre pi necessarie per chi vuole guidare le imprese nella quarta rivoluzione industriale o lavorare nelle Pa che provano a cambiare pelle per diventare veramente digitali.

La partnership con le imprese

Il nuovo corso di laurea stato presentato dal rettore Paola Severino che ha ricordato gli sforzi dell’ateneo romano sul fronte della digital transformation con gi diversi corsi attivi e laboratori finalizzati a formare nuove figure professionali in grado di coniugare saperi fondamentali e nuove specializzazioni, muovendosi in un contesto accentuatamente interdisciplinare. Tra questi a esempio i master in cybersecurity e in big data management. Per la Severino si tratta di corsi la cui tempestiva attivazione risponde ad esigenze formative segnalate sia dal mondo delle imprese che dal mondo della pubblica amministrazione. E non un caso che per il nuovo corso di laurea triennale stata attivata una partnership con Vetrya, gruppo specializzato nello sviluppo di servizi digital, che ha promosso la nascita di una nuova cattedra universitaria in Machine Learning and Artificial Intelligence. Vogliamo contribuire – ha aggiunto ancora la Severino – al successo di giovani che vogliano e sappiano mettere insieme conoscenze economiche, legali, sociologiche, con conoscenze ingegneristiche, di analisi dei dati e tecniche, in modo da poter affrontare le nuove sfide del mondo digitale.

Corsi integrati con quelli tradizionali

Il nuovo corso di laurea triennale in management e computer science, si inserisce nell’offerta formativa del Dipartimento di impresa e management dell’universit e si differenzia dagli altri corsi triennali in economia, finanza e management, gi erogati dalla Luiss, per la presenza significativa di argomenti tecnici e ingegneristici, di informatica e coding, per il focus sull’elaborazione dei dati e sull’analisi aziendale avanzata. Queste competenze sono integrate con i tradizionali corsi di base in Economia, Gestione aziendale, Diritto e Statistica. Non formiamo esperti di Ict, ma dei business translator in grado di aiutare le imprese in cui lavoreranno a sfruttare al meglio le opportunit offerte dalle nuove tecnologie, spiega Paolo Boccardelli direttore della Luiss Business school. Un punto ribadito anche da Andrea Prencipe, prorettore vicario: Non conosciamo il lavoro che verr ma siamo chiamati a pianificare per guidare il futuro delle persone e delle aziende anche con una “ibridazione dei saperi” ” dove le scienze sociali sono fondamentali, perch i dati senza un dominio di applicazione non hanno senso. Dobbiamo evitare il rischio di regressione di fronte alla sfida delle tecnologie – avverte infine il vice presidente esecutivo della Luiss – e la formazione il miglior antidoto contro questo rischio. Per iscriversi a questo nuovo percorso formativo occorre superare il test di ingresso che si terr a Roma e in altre 25 citt il prossimo 19 aprile.

© Riproduzione riservata