Amazon è diventato ufficialmente un operatore postale. Lo specifico registro del Ministero dello Sviluppo Economico nell’ultimo aggiornamento di novembre mostra Amazon Italia Logistica e Amazon Italia Transport. A questo punto dovrebbe chiudersi la querelle con l’AGCM che aveva sanzionato il colosso statunitense per 300mila euro proprio perché svolgeva una serie di “attività postali” senza autorizzazione: nello specifico consegne per i partner e impiego di locker.

Il primo effetto collaterale si avrà nella filiera della logistica e delle consegne dell’azienda con l’eventuale adozione del contratto nazionale del settore postale. Fermo restando il fatto che alcuni obblighi scattano in relazione a diversi parametri stabiliti dalle norme e il cambiamento non è scontato. In secondo luogo ogni attività di spedizione sarà sottoposta a vigilanza AGCOM come avviene per gli altri operatori.

Ora, a prescindere dalla contrattualistica rimane da scoprire se Amazon abbia intenzione di diventare un concorrente diretto di Poste Italiane, Nexive e gli altri 4mila operatori con servizi tradizionali oppure rimarrà a presidiare il solo ambito e-commerce.


Potenzialmente vi sarebbero la gestione della corrispondenza, dei pacchi postali e altre attività, ma avrebbero senso e margini adeguati per Amazon? Certo è che un cliente Prime potrebbe essere propenso ad affidare tutto all’azienda, dato che normalmente fornisce standard qualitativi nella cura del cliente al di sopra della media. Però è anche vero che l’intera operazione richiederebbe uno sforzo logistico non indifferente.